Sono arrivati in migliaia da tutta Italia, con le loro divise e le loro rivendicazioni da presentare al Governo. Sono i vigili del fuoco del sindacato autonomo, che manifestano sotto Montecitorio per chiedere un più equo trattamento pensionistico e retributivo. "I vigili del fuoco, gli stessi eroi del terremoto e del Rigopiano – si legge in una nota – non sono solo i peggio pagati tra i corpi dello Stato ma, secondo la ragioneria generale, si trovano anche agli ultimi posti nella classifica delle retribuzioni del pubblico impiego, ma nessuno interviene".

I vigili ricevono infatti 300 euro in meno degli altri corpi dello Stato, e il servizio operativo non è riconosciuto a fini pensionistici. Tanti cartelli e gli slogan: in tanti lamentano come, nonostante il loro operato sia spesso incensato dai media e dalle istituzioni, questo poi non corrisponda nella realtà ad una tutela adeguata e a migliori condizioni di lavoro.