Un uomo di 53 anni è stato arrestato nella nottata di ieri, domenica 12 marzo, nel quartiere della Borghesiana. Era da poco passata mezzanotte quando una telefonata terrorizzata è arrivata al numero 112 per le emergenze: "Aiuto mio marito ha tentato di uccidere mio figlio". Sul posto sono giunti tre equipaggi del reparto volanti della Polizia di Stato che hanno trovato nell'abitazione la donna e i figlio di 19 anni, entrambi in stato di choc, mentre non vi era traccia del 53enne, allontanatosi prima dell'arrivo delle forze dell'ordine.

Raccolte le testimonianze dei due familiari del fuggitivo, concordi nel raccontare come al culmine di una lite il padre avesse afferrato l'arma da fuoco aprendo il fuoco in direzione del figlio appena maggiorenne. I tre colpi proiettili fortunatamente sono andati a vuoto conficcandosi nel mobilio, mentre rimangono ancora da chiarire le cause del litigio. L'uomo è stato rintracciato poco lontano dall'abitazione, all'interno di un camper di sua proprietà. L'arma da fuoco, una Beretta risultata rubata, era stata nascosta in uno dei passaruota del mezzo.