Girava per la capitale con un furgone carico di marijuana come se si trattasse di qualsiasi altra merce. Sul pianale imballati in 44 confezioni di cellophane trasportava ben 260 chili d'erba. A fermare il trafficante di droga i carabinieri della Compagnia San Pietro. Al volante un giovane cittadino albanese di 20 anni, finito in manette con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e trasferito nel carcere di Regina Coeli in attesa di giudizio.

Il fermo nel pomeriggio di ieri, mercoledì 19 aprile: quando i militari hanno intimato l'alt al ragazzo, mentre percorreva via di Boccea a grande velocità, questo non si è fermato costringendo i carabinieri ad inseguirlo. Una volta fermato il conducente "ha mostrato subito segni di eccessivo nervosismo", la cui ragione è stata ben presto evidente ai militari quando hanno controllato il contenuto del furgone.