in foto: Violenza minorile (foto di repertorio)

Sta meglio la piccola di tre, quasi quattro anni, picchiata a sangue a Pasquetta dalla madre nel quartiere Monte Mario a Roma. Sta meglio ma ricorderà questa vicenda a lungo e ne porterà a segni: 40 giorni di prognosi, lividi in volto e sul corpo e le costole rotte dalla furia della madre , una ventunenne di Caserta che anziché accudirla l'ha pestata fino a ridurla in gravi condizioni.

Ieri i poliziotti del commissariato Primavalle sono intervenuti dopo la segnalazione dei medici dell'ospedale (prima il San Filippo Neri poi il policlinico Gemelli) e hanno ricostruito la squallida storia. La piccola piangeva e la madre ha perso la testa. Una madre che – hanno poi appurato gli stessi investigatori – si vantava di essere un genitore modello su Facebook. La realtà invece era del tutto diversa. E le indagini non sono ancora concluse: occorrerà valutare la posizione del compagno della donna. Che ruolo ha avuto? Perché non ha impedito questa violenza o comunque non l'ha denunciata tempestivamente?